Connect with us

Calciomercato Juventus

Domani il centenario della proprietà Agnelli: Elkann annuncia la festa

Published

on

Domani si festeggia il centenario della famiglia Agnelli come proprietaria della Juve. 100 anni sotto la stessa famiglia e con una guida chiara. La vision dell’azienda è un po’ cambiata negli anni, ma John Elkann promette successi.

Il 24 luglio 1923 Edoardo Agnelli assume il ruolo di presidente della Juve dando vita al connubio fra la famiglia di imprenditori e i colori bianconeri. Che dura tuttora. 100 anni insieme, fra vittorie, sconfitte, cadute e ritorni in grande stile, in Italia, in Europa e nel Mondo. L’ultima annata non è stata propriamente celebrativa, visti i mille problemi in campo e fuori, ma la società guarda al futuro e a un nuovo inizio. Pur mantenendo la continuità di un legame sempre più forte. L’ultimo Agnelli presidente, Andrea, è stato destituito a seguito delle vicende giudiziarie note, ma la famiglia è sempre all’interno della Juve e le celebrazioni partiranno proprio nella giornata di domani.

Juve, domani il centenario della famiglia Agnelli. Elkann: “Omaggio ai nomi del passato e del presente”

centenario-agnelli-juve-elkann-proprieta

(Photo by Marco Bertorello / AFP) (Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

100 anni dopo, è ancora la famiglia Agnelli a guidare la Juventus. Con qualche cambiamento, perché si è passati dalla FIAT, che pure negli anni ’20 era già una grande realtà imprenditoriale, all’universo Exor attuale. Oggi l’uomo forte è John Elkann, figlio di Margherita Agnelli e nipote di Gianni, designato proprio dall’Avvocato come nuovo leader dell’azienda. L’Amministratore Delegato di Exor ha voluto dare un assaggio delle iniziative pensate dalla società nell’intervista a La Stampa: “La nostra festa, durerà fino all’autunno. Una serie di momenti da vivere in famiglia, con gli amici, con chi condivide la passione per la Juve. A partire da domani sul sito Juventus.com e su tutti i nostri social ci sarà un omaggio collettivo con i grandi nomi del nostro passato e del nostro presente”.