Connect with us

Juventus News

Assemblea degli azionisti Juve, c’è l’aumento di capitale: i dettagli

Published

on

Nella giornata di oggi si è riunita l’assemblea degli azionisti della Juve, che hanno deliberato un aumento di capitale.

Nei giorni che precedono la ripresa del campionato di Serie A, con Juventus e Inter che si giocheranno il primo pezzo dello Scudetto di questa stagione domenica sera all’Allianz Stadium, oggi è stata la giornata dell’assemblea degli azionisti a Torino sponda bianconera. La riunione, programmata il mese scorso dopo lo slittamento della stessa, ha avuto come tema centrale la proposta di aumento di capitale da parte degli stessi azionisti, oltre che alcune discussioni in merito al bilancio approvato lo scorso mese.

Stando a quanto comunicato dal club attraverso una nota ufficiale infatti, l’assemblea degli azionisti ha approvato un aumento di capitale di 200 milioni di euro, considerando allo stesso tempo anche la perdita di 123,3 milioni di euro nel bilancio approvato alla fine di ottobre, relativo al giugno del 2023. Di seguito il comunicato della Juventus.

Il comunicato dell’assemblea degli azionisti della Juve

Stadio della Juve

Photo by: Getty Images

“L’Assemblea ha approvato il bilancio dell’esercizio al 30 giugno 2023, che si è chiuso con una perdita d’esercizio pari a €123,3 milioni (rispetto alla perdita di € 238,1 milioni dell’esercizio precedente), nonché la copertura integrale delle perdite mediante utilizzo della Riserva da sovrapprezzo azioni. Nel contesto dell’Assemblea è stato altresì presentato il bilancio consolidato al 30 giugno 2023”.

“L’Assemblea ha deliberato: di approvare la situazione patrimoniale al 30 settembre 2023, dalla quale risulta una perdita pari a € 75,1 milioni; di utilizzare integralmente le riserve disponibili, per complessivi € 20,3 milioni. Di ridurre il capitale sociale della Società da €23.379.254,38 ad €50.000 (minimo legale). Di approvare la proposta di aumento di capitale sociale, a pagamento, da effettuarsi entro il 31 dicembre 2024, per un importo massimo complessivo di €200 milioni”