Connect with us

Interviste

Nedved: “Lione? Bisogna arrivarci comunque preparati”

Pavel Nedved ha commentato a caldo il sorteggio degli ottavi di Champions League: alla Juventus è andata molto bene con il Lione

Published

on

Pavel Nedved ha commentato da Nyon i sorteggi degli ottavi di Champions League: alla Juventus è andata decisamente bene con il Lione. “Sì, decisamente poteva andare peggio – ammette il vicepresidente bianconero a Sky – , ho visto degli scontri che sono già da fuochi d’artificio. Non ci dobbiamo lamentare, l’anno scorso l’Atletico era più difficile, oggi siamo contenti, anche se in Champions se non arrivi preparato tutte le partite sono difficili. Lione? Non l’ho seguito quasi per niente perché ero sicuro di non prenderlo, mi aspettavo una squadra inglese. Ora li studieremo, il nostro staff tecnico è bravo”.

Tornando alla partita vinta contro l’Udinese, Nedved è soddisfatto della prestazione del tridente, ma rimanda a Sarri ogni altro dettaglio tecnico: “È bello vederli giocare – continua – , possono giocare insieme se si aiutano e corrono così tanto, danno spettacolo e fanno bene. Poi Sarri sceglie in base alla forma, ora è di grande livello”. Di sicuro è cresciuto il livello dei singoli e con un Ronaldo che segna 5 gol in 4 partite è tutto più facile: “Lo vedo molto bene. Noi siamo arrivati a mettere in dubbio uno come lui o come Buffon. Io so che campioni sono, quindi ero tranquillo, assolutamente. Poi arrivano i momenti importanti e loro, i fuoriclasse, ci sono sempre. Prima Ronaldo aveva qualche problema fisico – aggiunge Nedved – , ora cresce, per me è importante che lui e tutta la squadra arrivi pronta a febbraio marzo”.

Nedved: “Non si può puntare solo sulla Champions”

Infine, una battuta sulla Champions League, trofeo che i tifosi juventini aspettano da troppo tempo ormai: “Non bisogna che diventi ossessione, ma un obiettivo concreto. Siamo forti e alla pari degli altri avversari per la vittoria finale. In Champions basta un tempo fatto male e sei fuori – conclude – puntare solo su quello è impossibile”.